24 febbraio 2017 – Chiarlea (2590m) – Val Germanasca

Facile gita in Val Germanasca per portare Giuseppe alla sua prima uscita skialp.

 

——————————————————————————————————————————–

Dettagli GITA:

 

quota di partenza (m): 1490m 

quota vetta (m): 2590m

dislivello complessivo (m): 1100m

difficoltà: MS

Esposizione: NORD OVEST

Periodo consigliato: dicembre-marzo

 

——————————————————————————————————————————–

Sommario

 

Si segue lo stesso percorso per il Giulian fino al bivio con il vallone delle Miniere. Si gira a destra e si risale a mezzacosta  per un buon tratto, poi si devia a sinistra e si risalgono i pendii superiori fino a raggiungere un vallonetto ampio da cui si vede chiaramente la cima. Con un paio di rampe si raggiunge la cima sulla sinistra dal colle Loup.

Discesa con qualche piccola variante ma nel complesso si segue lo stesso percorso della salita.

Consigliata sia per skiers che snowboarder, specialmente in condizioni di innevamento recente.

 

——————————————————————————————————————————–

 

Meteo del giorno

 

Cielo sereno con a tratti velature anche compatte, visibilità buona. Rigelo scarso sotto i 2200m

Zero termico  nelle ore centrali: 2400m in forte calo durante il giorno

isoterma -10 nelle ore centrali:  3900m in forte calo durante il giorno

Venti: deboli con locali rinforzi di direzione settentrionale.

 

Pericolo valanghe: 2

 

Situazione neve in cm (versanti sud-nord) durante la discesa

 

– 1500m:  30-100        crosta non portante

– 2000m: 100-130        crosta non portante-polverosa

– 2500m: 100-200       crosta dura da vento – polverosa

– 3000m: 100-200      crosta dura da vento – polverosa

 

——————————————————————————————————————————–

 

Ancora ubriaco della gita al Fallere decido di portare Giuseppe a fare una bella uscita skialp sulle nevi di “casa”.

Partiamo da Giordano con una temperatura scandalosa per Febbraio (circa -1), la neve ne risente con uno scarsissimo rigelo notturno che rende la salita leggermente faticosa già in partenza, specialmente nella prima rampa dopo il ponte del bivio con la valle dei 13 laghi facendo ripetutamente zoccolo.

Arriviamo nel vallone delle Miniere e la neve inzia ad essere gessosa e il breve e poco pendente traverso della prima parte del vallone non è proprio il massimo, scivolo ripetutamente verso valle. 

Solamente con la seconda rampa nel bosco rado trovo un equilibrio nella salita e con un passo decisamente lento risaliamo il pendio, la traccia precedente è stata coperta quasi del tutto dal vento e rimangono solo le impronte profonde dei ciaspolator.

 

Arrivati ai pendii superiori il panorama si apre nella sua bellezza; si vedono tantissime possibilità nel vallone delle Miniere di spot adatti al freestyle backcountry, con salti naturali stupendi che attendono solo chi può permetterseli. 

La neve sul nostro pendio inizia a essere nuovamente dura e gessosa, con croste da vento alternate a farina riportata che non fanno ben sperare per la discesa.

Dopo poco oltre il limite del bosco si apre il vallone sotto la cima, evidente sulla sinistra, il cielo è un pò lattiginoso con nubi alte e sottili che scorrono velocemente sopra la cresta. Qualche folata di vento ci fa compagnia, il silenzio è assoluto.

 

Arrivati all’ultima rampa la cima ormai è ben evidente sulla sinistra ma qui inizio a fare i conti con 1 dito di neve polverosa riportata su fondo marmoreo ingannando le mie logore pelli, credendo di fare aderenza, invece facendomi pericolosamente scivolare, anche con un bel ruzzolone. Faticosamente arrivo finalmente sulla cima assieme a Giuseppe.

 

Qualche selfie, foto e inziamo a scendere.

 

Prima parte direi PESSIMA, neve durissima e gessosa, curve strette e non divertenti. Nel Plateau alto qualche curva più morbida ma nulla di che, attendo Giuseppe che accusa qualche crampo.

Seconda parte la più bella nel bosco rado del vallone delle Miniere, sebbene già piuttosto tritato, il vento ha cancellato parzialmente le tracce e la neve morbida con diversi salti in sequenza mi hanno fatto divertire.

Ultima parte nel bosco più fitto su neve che incredibilmente, complice la discesa delle temperature, si è mantenuta molto scorrevole e a tratti stava addirittura crostificando! la temperatura era più bassa che la mattina presto. Anche qui tenendosi laterali è uscita qualche curva decente.

 

Gita da rifare con 1 metro di powder!

DSCF0773

DSCF0774

DSCF0776

DSCF0777

DSCF0780

DSCF0781

DSCF0782

DSCF0783

DSCF0784

DSCF0785

DSCF0787

DSCF0788

DSCF0790

DSCF0791

DSCF0794

DSCF0794web

DSCF0795

DSCF0796

DSCF0797

DSCF0798

DSCF0799

DSCF0800

DSCF0801

DSCF0802

DSCF0803

DSCF0806

DSCF0809

DSCF0810

vlcsnap-2017-02-25-09h22m26s250

vlcsnap-2017-02-25-09h22m44s169

vlcsnap-2017-02-25-09h29m47s26

vlcsnap-2017-02-25-09h31m04s51

vlcsnap-2017-02-25-09h31m22s222

Leave A Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *