Finalmente si ricomincia!!

Il 2017 passerà alla storia probabilmente come uno dei più caldi e secchi di sempre, ma appena cade giù un po’ di oro bianco si corre a prendere le assi, le nuove assi!

Giornata senza grandi pretese in preparazione alla stagione, dopo la bella nevicata di qualche giorno prima che ha apportato circa 80/100cm di neve nel cuneese.

Decidiamo quindi di optare per questa semplicissima cima per cercare di spiare anche il mare!

Prima uscita per la nuova Furberg split.

——————————————————————————————————————————–

Dettagli GITA:

quota di partenza (m): 1370m

quota vetta (m): 2344m

dislivello complessivo (m): 974m

difficoltà: BS

Esposizione: Varie

Periodo consigliato: novembre-marzo

——————————————————————————————————————————–

Meteo del giorno

Cielo generalmente sereno con Velature in aumento fino a diventare spess

Zero termico  nelle ore centrali: 1800m stazionario.

Venti deboli di direzione variabile

Innevamento già piuttosto buono

Pericolo valanghe: 2

Situazione neve in cm (versanti sud-nord) in discesa

– 1000m: 20-50       compatta

– 1500m: 50-100     polverosa/compatta

– 2000m: 70-100    polverosa/compatta

Condizioni bariche e di temperatura oggi alle 7:00 AM by meteociel.fr

https://modeles.meteociel.fr/modeles/gfs/archives/gfs-2017111100-0-6.png

https://modeles.meteociel.fr/modeles/gfs/archives/gfs-2017111100-1-6.png

——————————————————————————————————————————–

Giornata di allenamento e prova del nuovo mezzo.

Partenza con risalita su pista, bell’ambiente con la neve fresca appena caduta. Ci ritroviamo a salire in un bel po’ di skialp.

Arrivati alla sommità della pista decidiamo per un lungo traversone verso il versante opposto della valle, lungo ma non noioso perchè permette di ammirare tutte le possibilità di discesa del largo anfiteatro.

Raggiungiamo la pista di Pancani battendo a tratti traccia, la risaliamo assieme ad un esercito di skialp che nel frattempo sta salendo. Terminata mi dirigo al colle attraverso un vallonetto, lo risalgo fino alla prima antecima, il paesaggio si apre. Superata l’antecima scendo e risalgo e raggiungo finalmente il Monte Pepino, che in realtà sembra composto da due cime, la seconda leggermente più alta e con una vista ancora più ampia, si vede il Mare!!

Foto e video di rito e poi mi preparo per la prima discesa con la Furberg.

Il primo tratto è un traversone poco divertente, poi raggiunto il colle faccio due curve in farina molto belle anche se la sensazione della Furberg non è positiva perchè non riesco a controllarla alla perfezione.

Raggiungo la pista e qui inizio su neve morbida e battuta a saggiare la differenza con la voilè, è una tavola la Furberg con un carattere che devo ancora comprendere, effettivamente il suo angolo di curva molto ampio la rende docile e leggermente più muscolosa da curvare, ma anche con una predisposizione ad una grandissima stabilità nelle alte velocità, che in fondo è quello che cerco..

In breve tempo raggiungiamo il fondo della pista ma Giuseppe scende da tutt’altra parte sbagliando! si ritrova quasi a Limone..

Riesce a rientrare grazie all’autostop ma nel frattempo perde il telefono sulle piste, ma questa è un’altra storia..

DSCF1430

DSCF1432

DSCF1433

DSCF1435

DSCF1436

DSCF1438

DSCF1440

DSCF1442

DSCF1443

DSCF1445

DSCF1448

DSCF1451

DSCF1452

DSCF1453

DSCF1454

DSCF1455

DSCF1459

DSCF1460

DSCF1462

DSCF1464

DSCF1465-Pano

DSCF1476

DSCF1477

DSCF1478

DSCF1482

DSCF1484

IMG-7271

IMG-7272

vlcsnap-2017-11-11-19h21m33s192

vlcsnap-2017-11-11-19h21m53s160

vlcsnap-2017-11-11-20h54m37s245

vlcsnap-2017-11-11-20h57m36s232


find the nearest chase bank atm

Leave A Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *